Come scegliere una barca a remi?

Il canottaggio è uno sport di velocità praticato con barche a remi lunghe e strette realizzate in legno o in materiali compositi, spesso in fibra di carbonio. Il vogatore si siede su un sedile scorrevole, detto carrello, che rimane sempre al di sopra del livello dell’acqua, e dà le spalle alla direzione del movimento della barca. I remi, ovviamente, vengono usati come leva per fornire la spinta propulsiva. Nelle barche destinate alla voga detta di punta, ogni vogatore usa un solo remo, mentre nelle barche per la voga di coppia ogni vogatore usa due remi.

Il canottaggio può essere praticato in mare nonché su fiumi e laghi. A seconda del tipo di barca e di competizione, l’equipaggio può comprendere o meno un timoniere, che è la persona che governa l’imbarcazione e dirige il resto dell’equipaggio. In questa guida trattiamo i principali criteri da adottare per la scelta di una barca a remi.

Barche a remi: vedi i prodotti

  • Quali sono i criteri di scelta per l'acquisto di una barca a remi?

    Barca a remi da regata Rowing Sport Boats

    Per scegliere la barca a remi, o barca da canottaggio, più adatta alle nostre esigenze dovremo prendere in considerazione diversi fattori. In particolare, dovremo tenere conto del tipo di attività che desideriamo praticare (competizione o tempo libero, oppure navigazione in mare o su acque calme, ad esempio su un lago) e chiederci se intendiamo praticare soli o con altre persone, nonché con un solo remo o con due.

    Qui di seguito i principali fattori da valutare nella scelta di una barca a remi:

    • Tipo di attività che si desidera praticare
    • Imbarcazione per voga di coppia (sweep rowing) o di punta (sculling)
    • Numero di posti a sedere
    • Materiale dello scafo
  • Barca a remi: come sceglierla in funzione dell'attività da praticare

    Barca a remi da corsa Wintech Racing

    La scelta del tipo di barca in funzione dell’attività che intendiamo praticare è, senza ombra di dubbio, la prima tappa del percorso d’acquisto. Le barche a remi da competizione, ad esempio, sono progettate per le regate, in cui l’obiettivo è la velocità. Per rispondere a questa esigenza, le barche da competizione hanno una forma particolarmente affusolata, ma possono essere utilizzate solo in acque calme e sono più adatte a vogatori esperti. Le barche a remi da mare, invece, sono ideali per l’esercizio fisico. Leggere e veloci, possono essere utilizzate in acque più agitate e garantiscono un’esperienza di canottaggio più ludica. Per  finire, le barche a remi per il tempo libero, particolarmente stabili e sicure, sono destinate soprattutto ai principianti e a coloro per cui il canottaggio è unicamente un’attività ricreativa.

    Barche a remi per acque piatte:

    • Ideali per le regate
    • Da usare esclusivamente su acque piatte
    • Più adatte a vogatori esperti

    Barche a remi per acque libere:

    • Ideali per l’allenamento
    • Possono essere usate anche su acque molto agitate
    • Si prestano alla navigazione in mare aperto, a condizione che i vogatori abbiano l’esperienza necessaria
    • Leggere, veloci e piacevoli da usare

    Barche a remi per il tempo libero:

    • Facili da manovrare
    • Stabili
    • Ideali per i principianti
  • Voga di punta o di coppia?

    Barca a remi da regata Wintech Racing

    Le barche a remi possono avere uno, due, quattro o otto posti a sedere, ma vengono suddivise in classi non solo in base al numero di vogatori, ma anche al tipo di voga, o più precisamente in base al numero di remi che ogni vogatore usa. Esistono due tipi di voga principali: la voga di punta (o sweep rowing) e la voga di coppia, detta anche voga a bratto (o sculling, in inglese). Nella voga di punta il vogatore usa un solo remo, che afferra però con entrambe le mani, mentre nella voga di coppia ne usa due, uno per mano. Per quanto riguarda la voga di coppia, possiamo distinguere il singolo, detto anche skiff, il doppio di coppia e il quattro di coppia.

    Le barche destinate alla voga di punta possono avere o no un posto per il timoniere, che è colui che governa la barca e, spesso, è anche l’allenatore. Nelle barche senza timoniere, invece, uno dei vogatori usa un apposito pedale che permette di governare l’imbarcazione. Le barche di questo tipo si suddividono in doppio di punta con timoniere (2+), doppio di punta senza timoniere (2-), quattro di punta con timoniere (4+), quattro di punta senza timoniere (4-) e otto di punta (8+). Le barche da otto, che prevedono sempre un posto per il timoniere, sono le più veloci. Un otto maschile da competizione, ad esempio, può raggiungere quasi 14 miglia all’ora.

    Voga di coppia: ciascun vogatore ha due remi, uno per mano (lunghezza del remo: 3 m.)

    Voga di punta: ciascun vogatore ha un remo, che afferra con entrambe le mani (lunghezza del remo: da 3,60 a 4 m)

  • Quanti vogatori per una barca a remi?

    Barca a remi da regata Filippi

    Le barche a remi possono avere uno, due, quattro o otto posti e la nostra scelta dipenderà naturalmente dal numero di vogatori con cui desideriamo praticare.

    Nelle barche destinate a più vogatori, questi vengono identificati in base al posto a sedere che occupano nella barca. Il vogatore che occupa il posto con il numero 1, detto prodiere, è quello più vicino alla prua della barca ed è quindi il primo a tagliare la linea del traguardo nelle competizioni. Davanti a lui, avremo gli altri vogatori, tra cui, per ultimo, il capovoga, che è il vogatore seduto più vicino alla poppa. Il capovoga deve essere un vogatore forte e avere un’ottima tecnica in quanto è lui che stabilisce il ritmo e il numero di remate al minuto che il resto dell’equipaggio dovrà seguire.

  • Che materiale scegliere per lo scafo di una barca a remi?

    Barca a remi da competizione Row&Sail GmbH

    Il canottaggio da competizione viene praticato su barche che sono il più possibile leggere e sottili, e quindi potenzialmente meno stabili. Per mantenere la barca in equilibrio, tutti i membri dell’equipaggio devono quindi avere una perfetta padronanza dei gesti da eseguire. Le prestazioni di queste barche dipendono dalla loro leggerezza e rigidità, due caratteristiche spesso difficili da conciliare e che portano i costruttori a utilizzare materiali high-tech, come la fibra di carbonio, il kevlar e altri compositi.

    Barche a remi in legno:

    • Più costose
    • Più rigide delle barche in Kevlar

    Barche in materiali compositi (fibra di carbonio, Kevlar, ecc.):

    • Maggiore durata di vita
    • Maggiore facilità di manutenzione
    • Più facili da trasportare
Guide correlate
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *